Guida al progetto di Stand che funziona in fiera!

Guida al progetto di Stand che funziona in fiera!

Da alcuni anni collaboro durante la fase di progetto di stands con Fair-Spaces (per loro mi occupo anche di immagine grafica) e con tutti i suoi collaboratori.

Ogni volta un’esperienza che mi arricchisce professionalmente poiché dal mondo fieristico si puó imparare molto, soprattutto a livello di business, per questo ho deciso di scriver una piccola riflessione a proposito di progetto si spazi in fiera.

Quando un’impresa si prepara per andare in fiera a presentare i suoi prodotti/servizi, le aspettative e le pressioni sono alte: l’investimento è notevole e gli obiettivi da raggiungere sono diversi.

Quali possono essere gli obiettivi per la fiera?

    • Farsi conoscere come nuova impresa in un settore determinato;
    • Trovarsi di persona con clienti e fornitori;
    • Attirare nuovi clienti;
    • Fidelizzare quelli abituali;
    • Affermare la propria presenza di fronte al mercato ed alla concorrenza;
    • Presentare novitá e nuovi prodotti.

A seconda dell’obiettivo che si propone l’azienda, il progetto avrá un approccio diverso, cosí come le grafiche , la distribuzione ed i percorsi nello spazio.

È facile desiderare uno stand bello e originale,

ma è molto meglio se questo ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi!

Durante la fase del Brief, cioé quando raccolgo informazioni per poter sviuppare il progetto preliminare, è importante conoscere il più a fondo possibile il cliente, il metodo di lavoro, il modo imn cui vende ed i suoi obiettivi.

In questo modo lo spazio che verrá creato sará in linea con i valori d’impres, ma anche funzionale all’obiettivo specifico per la fiera in questione.

Uno Stand che funziona sul serio!

Stand Divasa al congresso  Anembe Sevilla 2019

Con quali elementi possiamo manipolare lo spazio?

Consideriamo che ci sono diversi elementi che potranno essere presenti o no duramte l’evento:

    • Pedane per esporre il prodotto;
    • Barre riunione per incontri rapidi con i clienti;
    • Piccoli tavoli alti per riunoni;
    • Tavoli bassi per riunioni più lunghe;
    • Sale riservate per incontrare clienti importnti;
    • Zone speciali per attivitá ed esperienze che attirino l’attenzione dei visitanti;
    • Separatori di diverse forme e dimensioni;
    • Monoliti e rollups;
    • Espositori per flyer e brochures;
    • Zone chill out con poltrone e tavolini;
    • Msaszzino preprato per le diverse esigenze;
    • Zona Bar/catering con l’attrezzatura adeguata;
    • Portali che invitino ad entrare;
    • Volumiche creano percorsi o barriere;
    • Spazi grafici, elementi in rilievo o pareti particolari;
    • Materiali divrsi fra tradizionali o high tech;
    • …e potrei continuare!

Ogni elemento è importante per raggiungere l’obiettivo iniziale.

Ma dev’essere parte integrale e coordinata di un progetto.

La cosa migliore da fare è NON partire dai singoli elementi ma dal concetto centrale dello stand che così si troverà arricchito nei suoi spazi dagli elementi e dai percorsi.

¡Tutto si puó riassumere in questio semplice concetto!

Per questo motivo, a parte del progetto spaziale, mi occupo anche della direzione creativa della parte grafica che collabora attivamente con lo spazio e comunica/dirige il visitante.

Non è sempre possibile raggiungere la coordinazione totale fra progetto, grafica ed elementi dello stand, poichè gli attori che partecipano alla realizzazione e le variabili da tenere in conto sono molteplici, ma se ci si approccia al progetto con l’atteggiamento di cui sto parlando, le possibilitá che il risultato rispecchi le aspettative non solo estetiche m anche di business (in fondo siamo qui per questo, no?) aumentano esponenzialmente.

Hai un’idea? Chiedimi pure!

 

Stand Viefe – Interzum Colonia 2019

Gli imprescindibili del mio workplace: Josep Pons e il suo ufficio nello zaino

Gli imprescindibili del mio workplace: Josep Pons e il suo ufficio nello zaino

Eccomi con un’altra intervista sul workplace di professionisti con cui collaboro: vi presento Josep Pons, che ha creato Fair-Spaces, un’impresa “fuoristrada” nel senso che affronta tutti i tipi di cammino senza grandi difficoltá; grazie a lei mlte imprese catalane ed internazionali possono presentarsi al meglio nelle fiere spagnole e del Mondo.

Josep Pons viaggia molto e non può quindi pensare che il suo ufficio è lo spazio fisico dell’edificio della sua sede, visto che il suo ufficio è proprio il Mondo!

Oggi “entreremo nell’ufficio” di Josep Pons di Fire-Spaces.

Ormai i lavoratori nomadi sono una realtá assestata e Josep ne è un esempio attivo.

Chi sei? Parlami un po’ di te!

Sono Josep Pons, CEO and founder di Fair-Spaces.

Se hai un prodotto che vuoi esporre in fiera saró felice di aiutarti affinché tutto il processo prima, durante e dopo la fiers, vada bene

Ecco la mia pagina web www.fair-spaces.com

[La web e l'immagine corporativa sono designed by FAB813...]

Dove lavori?

Normalmente mi trovo a dover saltare fra il mio ufficio e gli spazi in fiera: stands, hotels cittá… Possiamo dire che il mio ufficio è il mio ZAINO

Descrivi un MOBILE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro.

Un posto sul quale appoggiare il computer: non sempre si tratta di un tavolo o di una scrivania.

Descrivi un OGGETTO imprescindibile nel tuo spazio di lavoro

Una lampada vicino al computer: mi piace lavorara un un’illuminazione coretta sul mio spazio.

Descrivi un COLORE imprescindibile nel tuo spazio di lavoro

Mi piacciono i colori chiari perché mi rilassano.

View this post on Instagram

#anembe2018 stand Divasa

A post shared by Fair Spaces (@fairspaces) on

Descrivi cosa non deve mancare alle pareti del tuo spazio di lavoro

Ho bisogno di avere una finestra nelle vicinanze per poter guardare fuori ongi tanto.

Descrivi uno STRUMENTO tecnologico o un’APP fondamentale per te ed il tuo lavoro.

Email, Linkedin, sono strumenti di comunicazione necessari per il mio lavoro, otre ala agina web che mi genera molto traffico.

[sí sí, la web l'ho fatta io!]

Cosa cambieresti del tuo spazio e perché?

Mi piacerebbe lavorare in un ambiente meno rumoroso, con piú tranquillitá: non sempre è possibile.

…le mie conclusioni… con qualche consiglio!

L’ “ufficio itinerante” di Josep non è facile da gestire: lavorare e concentrarsi in qualsiasi luogo ha il suo merito.

Nemmeno risolvere i problemi di rumore negli spazi pubblici è molto facile, maposso darti qualche consiglio per evitare queste situazioni scomode.

  • Nei luoghi pubblici mettersi cuffiette e ascoltare la propria playlist di musica rilassante o di quella che ti fa lavorare come untreno… io ho il mo Spotify con liste che si adattano al mio umore del momento…
  • Se si entra in un bar, guardare se dispone di pannelli fonoassorbenti, in questo caso l’ambiente sará piú tranquillo, nello stesso tempo, evitare luoghi con molta attivitá sociale preferendo caffé con salette riservate.
  • Elegir espacios coworking que aceptan visitas de pocas horas: se están creando siempre más espacios de trabajo “por horas”, seguramente tienen lugares acusticamente acondicionados como estos de LvB

 

Ti piacerebba lavorare cosí, libero dalle pareti dell’ufficio?